NUOVE SCOPERTE A PORTA STABIA (POMPEI)

Redazione

Abitazioni, negozi, botteghe a Porta Stabia, un'area di Pompei intatta fino all'eruzione del Vesuvio nel 79 d. C.: è quanto rivelano gli scavi condotti dall'Università di Sidney e Michigan e dalla Stanford University in California, che stanno per portare alla luce case private, risalenti a fasi precedenti l'età romana e poi divenute contigue all'area di intrattenimento della città (2 teatri, un ampio cortile colonnato, 3 templi e un Foro). Il progetto complessivo di scavo, denominato Pompei Archaeological Research Project: Porta Stabia (PARP:PS), si sviluppa lungo una delle principali strade di Pompei, in quello che fu un tempo il centro sociale e culturale della città. Il Soprintendente archeologo di Pompei, Pietro Giovanni Guzzo, sottolinea come "l'invito lanciato nel 1996, e rivolto alle università italiane e straniere, di venire a compiere ricerche archeologiche e storiche a Pompei continua a riscuotere successo. Il progetto internazionale sul quartiere interno a Porta Stabia ne è un'ulteriore conferma. La Soprintendenza segue con il massimo interesse questa multiforme attività, allo scopo di ricavarne elementi di conoscenza utili al restauro e alla manutenzione della città antica, e di ampliare le conoscenze e le informazioni da diffondere ai visitatori".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Redazione >>




Articoli correlati



Altro da questo autore



ASM Service Mercedes Benz Marigliano
test 300x250
In Evidenza
test 300x250