Marigliano: muore lentamente il basolato del centro storico.

Andrea Amato

La triste storia dell’antico basolato del centro storico pare sia destinata a non subire alcuna svolta positiva. E’ da anni ormai che si parla del degrado in cui il centro storico versa e, in particolare, è da tanto tempo che si discute sullo stato precario e indecente in cui è l’antico basolato lavico dei suoi vicoli. Troppa l’incuria, esiguo l’interesse delle passate e attuali amministrazioni comunali, avvilente l’incoscienza di alcuni cittadini che addirittura propongono l’abolizione delle vecchie basole e la sostituzione di quest’ultime con inappropriato e squallido asfalto.

 

 

 

Probabilmente, questi cittadini ignorano del tutto il valore storico e artistico di cui quelle lastre sono testimoni, né forse le loro coscienze sono state mai attraversate da sentimenti come la sensibilità culturale. L’ultimo intervento di manutenzione che interessò la vetusta pavimentazione risale agli anni dell’Amministrazione Nappi e, in verità, riguardò unicamente il Decumano Maggiore (via Giannone).

 

 

 

 Interventi di mantenimento e conservazione a favore del lastricato del Decumano Inferiore (via Giordano Bruno) e di tutti i Cardini sono, invece, fuori dalla memoria storica recente. Vicoli come via Collegiata, via Campanella, via Trinità, via Salvator Rosa, che richiedono urgenti lavori al loro selciato rovinato e malsicuro, sono, infatti, diventati negli ultimi anni quasi impraticabili.

 

 

 

 

 

 

 

 

Si pensi, ad esempio, a via Porta San Pietro che proprio in questi giorni è stata chiusa al traffico per uno sprofondamento avvenuto in seguito alle recenti forti piogge. Suddetta strada resta chiusa ormai da giorni e ad oggi ancora nessuno dei soggetti addetti al suo ripristino è mai intervenuto per renderla almeno di nuovo percorribile.

E’ così che si avvia lentamente al declino un’altra grande testimonianza del passato mariglianese, segno che la tutela delle sue preziose vestigia non desta particolare interesse tra i membri della sua comunità, in primis tra i membri dei suoi organi politici che né ieri né oggi si sono mai concretamente impegnati per una decisiva, organica, strutturale riqualificazione del suo centro storico.
 

Discuti l'Argomento sul Blog

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di >>




Articoli correlati



Altro da questo autore