Pomigliano, 12 commercianti si allacciano abusivamente alla rete idrica comunale

Loredana Monda

CASTELLO DI CISTERNA – Nelle ultime ore due nuovi servizi di controllo, coordinati dalla Compagnia di Castello di Cisterna al comando del Capitano Orazio Ianniello. A Pomigliano, dodici persone sono state denunciate in stato di libertà per furto aggravato. Sono stati, infatti, deferiti alla magistratura dai carabinieri della caserma cittadina 12 gestori degli esercizi commerciali della locale villa comunale.

Nel corso di controlli i militari dell’Arma hanno accertato che i predetti si erano allacciati fraudolentemente alla rete idrica comunale. A seguito degli accertamenti, il sindaco Antonio Della Ratta ha emesso un’ordinanza di chiusura immediata delle attività commerciali, per decadenza dei requisiti necessari per le autorizzazioni sanitarie.

 A Somma Vesuviana, invece, i carabinieri della locale stazione hanno arrestato, per violazione della legge ambientale 210/2008, il ventiduenne Vincenzo Pepe di Casalnuovo e il cinquantaquattrenne Gioacchino Riccardi: sono stati sorpresi in un terreno adiacente Via Micco mentre scaricavano rifiuti speciali (pneumatici, materiali plastici, calcinacci, materiale ferroso e rottami di varia natura), trasportati con l’autocarro di una ditta di Napoli. Il veicolo e’ stato sequestrato.

 I titolari della citata ditta e del predetto terreno sono stati denunciati in stato di libertà. Gli arrestati sono finiti in camera di sicurezzain attesa di rito direttissimo.
 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di >>




Articoli correlati



Altro da questo autore