LA MARGHERITA CHIEDE UN CONSIGLIO COMUNALE MONOTEMATICO

Loredana Monda

Dopo un serrato confronto interno, durato diverse sere, la Margherita chiede la convocazione di un Consiglio Comunale monotematico, con un atto che dovrebbe essere stato protocollato nella mattinata del 29 giugno 2007.

Il fiorellino sollecita la maggioranza a presentarsi in assise, spiegando a tutti, pubblicamente, le ragioni della crisi politico - amministrativa, le scelte del sindaco di azzerare la Giunta Municipale, per poi vararne un'altra che vede di fatto fuori dall'esecutivo sia la Margherita sia i Democratici di Sinistra.

Il fiorellino aspetta che i cittadini possano avere l'occasione di assistere al Consiglio Comunale, di prendere atto delle dichiarazioni e dei contegni di ogni forza politica e di ogni singolo componente del Parlamentino locale.

Ai sensi del comma 2 dell'articolo 39 del testo unico degli enti locali, che recita "Il presidente del consiglio comunale o provinciale è tenuto a riunire il consiglio, in un termine non superiore ai venti giorni, quando lo richiedano un quinto dei consiglieri, o il sindaco o il presidente della provincia, inserendo all'ordine del giorno le questioni richieste", il civico consesso dovrebbe riunirsi a breve scadenza.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di >>




Articoli correlati



Altro da questo autore