LSU CONTRO AMMINISTRAZIONE: INSULTI!

Loredana Monda

Al vetriolo il confronto tra l'amministrazione, i lavoratori socialmente utili e i sindacati confederati. Nella mattinata di ieri, al Comune si sono ritrovati allo stesso tavolo per discutere del progetto redatto e presentato da Italia Lavoro nei giorni scorsi.

In pochi minuti, il clima si è surriscaldato. Per l'amministrazione era presente sin dall'inizio il capo dell'esecutivo Felice Esposito Corcione. Successivamente, è arrivato anche l'assessore Antonio Vivenzio. I toni sono diventati sempre più concitati, tanto che si qualcuno ha temuto che si arrivasse alle mani. Sono volati gli insulti. Due i motivi che hanno portato alla degenerazione, tra chi minacciava di abbandonare l'infuocata riunione e chi l'ha lasciata davvero, affermando che sarebbe stato molto più facile per i sindacati che per l'amministrazione parlare alla gente, spiegare quanto accade e chiedere sostegno.

Praticamente, l'accento è stato posto sulla credibilità. In primo luogo, a far andare su tutte le furie Cgil, Cisl e Uil e lavoratori socialmente utili, è stata la richiesta da parte dell'amministrazione di vagliare altre strade per la stabilizzazione, diverse dall'utilizzo di una società multi servizi sulla scorta del progetto redatto e presentato da Italia Lavoro, definito antieconomico. Una richiesta che arriva dopo mesi di attese. In secondo luogo, a creare ulteriore irritazione una notizia trapelata proprio durante l'incontro: ai socialmente utili, per le assemblee permanenti delle scorse settimane, sono stati sottratti circa centotrenta euro a testa dal sussidio.

Di fronte a tale dato, qualcuno ha tenuto a rimarcare che è vero che a chi pratica l'astensione dal lavoro si tolgono soldi, ma che è altrettanto vero che chi sbaglia paga e che l'assemblee permanenti altro non sono state che il frutto dei ritardi dell'amministrazione nel dare risposte sulla stabilizzazione. La situazione è degenerata al punto tale che i lavoratori hanno minacciato di chiudere gli ingressi del Comune e di non far passare più nessuno in entrata e in uscita. Attività di mediazione tra amministrazione e sindacati è stata fatta in primis dall'assessore Antonio Vivenzio, poi da altri esponenti politici accorsi. Alla fine un'intesa è stata trovata.

Per le ore 17 di lunedì prossimo è stato fissato un nuovo incontro tra capigruppo consiliari, componenti di giunta, sindacati e lavoratori per ridiscutere del progetto già pronto e definito troppo costoso dalla stessa amministrazione che l'ha commissionato e che ha fornito indicazioni a Italia Lavoro.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di >>




Articoli correlati



Altro da questo autore



MM_Mariano
test 300x250
In Evidenza
test 300x250