SEBASTIANO SORRENTINO: PIP, FUNZIONARI, ORGANIZZAZIONE COMUNALE

Loredana Monda

Si attendono sviluppi dopo la remissione di deleghe degli assessori dell'Udeur. Nel pomeriggio di giovedì, si sono, intanto, regolarmente riunite alcune commissioni consiliari.

E' stata, invece, rinviata la conferenza dei capigruppo finalizzata alla convocazione di una nuova seduta di consiglio comunale. Sulla vicenda delle dimissioni degli assessori Caprio e Sullo è sembrano opportuno sentire la forza politica preminente sul territorio e all'interno dell'amministrazione subito dopo il partito del Campanile.

E' stato contattato il consigliere regionale Sebastiano Sorrentino, massima espressione territoriale della Margherita. "Abbiamo avuto una riunione di partito giovedì sera. Abbiamo deciso di chiedere la convocazione di un incontro urgente tra i partiti della maggioranza. Riteniamo che sia importante sedersi ad un tavolo e verificare se ci sono i presupposti per andare avanti. Per la Margherita, il prosieguo è subordinato alla risoluzione immediata di due o tre questioni".

Si riferisce al piano degli insediamenti produttivi che risolverebbe il problema degli artigiani che hanno le attività in zone non compatibili sotto il profilo urbanistico e che rischiano la chiusura. Si riferisce ai funzionari e al riordino dell'apparato burocratico, tanto che afferma:

"Gli assessori stanno pagando lo scotto dell'assetto dell'apparato burocratico. Su di loro stanno ricadendo responsabilità per atti e per procedure che fanno capo ai funzionari". Sferra, quindi, un duro attacco alla direzione generale asserendo che la scelta sia stato operata ed imposta dal sindaco e che non abbia dato i frutti sperati.

Per Sebastiano Sorrentino, l'Udeur, che a suo dire in passato ha difeso il sindaco, sostiene ora quello che la Margherita asserisce da tempo. Si apprende, poi, una notizia inaspettata: la Margherita era pronta a ritirare gli assessori congiuntamente all'Udeur, che ha, però, giocato d'anticipo.

Sebastiano Sorrentino spiega: "Abbiamo avuto un incontro quando i giochi erano stati già fatti. Sapevamo che volevano ritirare i loro assessori ed eravamo pronti a trovare un accordo. Abbiamo, poi, saputo che certe decisioni erano state nel frattempo ufficializzate".

In un clima d'incertezza sulle sorti dell'amministrazione, si inseriscono le proteste dei lavoratori socialmente utili, che, come sottolineato con una nota prodotta in data 11 gennaio 2007 dopo l'ennesima assemblea permanente, proseguono per ottenere dalla pubblica amministrazione progetti finalizzati alla stabilizzazione.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di >>




Articoli correlati



Altro da questo autore



MM_Mariano
test 300x250
In Evidenza
test 300x250