I CARABINIERI RITORNANO IN COMUNE

Loredana Monda

I carabinieri si sono ripresentati al Comune. Nella mattinata dell'8 gennaio hanno riaperto gli armadi del settore ecologia che erano stati sigillati venerdì scorso, all'interno dei quali erano stati sistemati tutti gli atti inerenti la gestione del servizio d'igiene urbana, che su ordine della Procura della Repubblica di Nola dovevano essere acquisiti e fotocopiati.

I carabinieri hanno iniziato proprio a produrre le copie degli atti destinati alla magistratura e hanno cominciato a controllare il contenuto di alcuni computer degli uffici del terzo piano.

Sono state chiarite, intanto, le ragioni che hanno indotto la Procura della Repubblica di Nola tanto a procedere con l'ispezione della settimana scorsa tanto con l'emissione di tre informative di garanzia a carico dell'assessore al ramo, del responsabile del settore qualità urbana, del responsabile di procedimento. E' stata, infatti, avanzata l'ipotesi di reiterate richieste di atti, non inviati alla magistratura.

In merito, dal Palazzo Municipale trapelano informalmente notizie stando alle quali le richieste di documentazioni non sarebbero mai pervenute ai destinatari dei provvedimenti della magistratura che, proprio come precisato nei giorni scorsi dal sindaco Felice Esposito Corcione, non hanno alcune intenzione di sottrarsi al confronto con forze dell'ordine e con magistratura, di cui sono a disposizione.

Dal Comune si sostiene, inoltre, che nessun atto è stato distrutto, né tanto meno vi sia una volontà di procedere in tal senso in futuro.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di >>




Articoli correlati



Altro da questo autore