CARPINO: ERA ORA!

Loredana Monda

A dare parola ad Antonio Carpino, presidente della commissione statuto e regolamenti, è stato il presidente del consiglio comunale, Luigi Terracciano Jr, prima dell’ultima votazione allo statuto nel suo complesso.

Dopo aver ringraziato tutti i presenti per la collaborazione prestata, Antonio Carpino ha rimarcato il dato che l’ultimo statuto era stato approvato molti anni fa ed era stato superato dall’intervento di nuove normative, che dettavano la necessità di aggiornarlo o di sostituirlo.

Ha affermato: “Non ci rendiamo conto, ma molte amministrazioni comunali sono cadute sull’approvazione dello statuto”. Antonio Carpino ha sottolinea che, a partire dal 1994, diverse amministrazioni avevano tentato di procedere in tal senso senza pervenire ad un risultato. Come altri consiglieri avevano già fatto con i loro interventi in aula, Antonio Carpino sottolinea, inoltre, che ha giocato un ruolo fondamentale il fatto che il consiglio si sia spogliato della contrapposizione tra maggioranza ed opposizione, operando all’unisono.

Spiega che, oltre a fornire una nuova disciplina normativa, il nuovo statuto era finalizzato ad accogliere nuove istanze provenienti dalla società ed ad avvicinare i cittadini alle istituzioni. Sottolinea che lo strumento non doveva e non poteva essere una copia del testo unico degli enti locali, ma consentire di dettare principi che hanno di fatto portato alla possibilità di istituzione di nuove figure e di nuovi istituti come il consiglio comunale dei giovani, l’introduzione del consigliere aggiunto, il garante del contribuente che potrà affiancare il difensore civico, la consulta delle associazioni.

Non per polemica, per chiarezza afferma, però, che dovendo scaturire da una normale composizione di conflitti tra ideologie e tra posizioni differenti, probabilmente lo statuto non è quello che ognuno dei singoli consiglieri avrebbe voluto. Antonio Carpino, esprime rammarico, in particolare per lo stralcio delle disposizioni che avrebbe consentito l’introduzione delle primarie per la scelta dei candidati a sindaco alle elezioni comunali, determinando l’affermazione di un nuovo metodo di lavoro. Al di là di questo, non nega, però, la soddisfazione per l’importante risultato conseguito.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di >>




Articoli correlati



Altro da questo autore



Fratelli Pentella
test 300x250
In Evidenza
test 300x250