CONSIGLIO COMUNALE: APPROVATO LO STATUTO

Loredana Monda

Tra applausi e sorrisi smaglianti si è conclusa la seduta di consiglio comunale di martedì sera. Dopo ben quindici anni dall’approvazione del precedente strumento normativo, è stato varato il nuovo statuto comunale. I lavori, avviati in altre sedute, sono ripresi con la discussione e l’approvazione dell’articolo 72 e si sono chiusi con quelle dell’articolo 89.

Molti gli interventi tendenti a sottolineare l’importanza del risultato conseguito dall’amministrazione guidata dal sindaco Felice Esposito Corcione. “L’approvazione dello statuto comunale può essere paragonato – ha sott’oliato il presidente del consiglio Luigi Terracciano Jr – alla realizzazione di un’importante opera pubblica”. Non ha nascosto il presidente la soddisfazione per un lavoro avviato e condotto a termine in breve tempo, in piena sintonia tra maggioranza ed opposizione, con la collaborazione degli uffici comunali, a cominciare da quelli di segreteria. Giovanni Ricci (Margherita) ha lavorato al fianco del presidente della commissione statuto e regolamenti Antonio Carpino, che ha licenziato la bozza discussa in consiglio comunale ed approvata in vari consigli celebrati con alcuni emendamenti.

L’esponente del fiorellino ha voluto sottolinerare le motivazione che hanno spinto a dare avvio ad un’azione che ha consentito di pervenire al varo di nuovo strumento. Giovanni Ricci ha spiegato che inizialmente c’era stata qualche preoccupazione a mettere mano ad un nuovo statuto e che era stata vagliata la possibilità di apportare solo modifiche a quello vigente, ma che in ultima istanza si è proceduto con l’approntamento di una nuova bozza arrivata all’attenzione del consiglio, nell’intento di dare alla città uno statuto che fosse più moderno e più agevole, che contenesse elementi di novità frutto di variazioni di normative intervenute e di nuove istanze sociali. Il consigliere della Margherita ha voluto rivolgere un ringraziamento particolare all’opposizione, che ha definito capace di esprimere altissimo senso civico e senso di responsabilità.

L’assise ha trovato uno straordinario equilibrio. Sono state accantonate le posizioni ostruzionistiche. La mediazione, il confronto sereno hanno consentito in molti casi di pervenire all’unanimità del voto suoi vari emendamenti e sugli articoli, così come sull’approvazione finale dello statuto nella sua interezza. Seduta tranquilla, quindi, quella di martedì scorso. Registrata, infatti, una sola nota negativa. I consiglieri comunali sono stati costretti a pulire i banchi con fazzoletti di carta, nonostante una ditta si occupi delle pulizie presso l’ente. Nella precedente seduta, il consigliere Luigi Terracciano Sr aveva già segnalato lo sconcio e chiesto all’amministrazione d’intervenire.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di >>




Articoli correlati



Altro da questo autore