IL SINDACO SUL DIFENSORE CIVICO: SIAMO DOLENTI.

Loredana Monda

Pochi giorni fa, il cavaliere Giuseppe Terracciano, che, pur essendo stato eletto, non ha mai potuto prestare giuramento da difensore civico cittadino, ha annunciato la sua intenzione di citare in giudizio il Comune di Marigliano al fine di dirimere una questione che si trascina ormai da anni e in assenza di risposta anche dal sindaco Felice Esposito Corcione.

Sulla vicenda abbiamo, comunque, ritenuto opportuno ascoltare il capo dell’esecutivo che ha affermato: “Sono dolente per il clima che si è instaurato. L’intera amministrazione è dolente. Nessuno di noi avrebbe voluto confrontarsi con problematiche non generate dall’azione di questa maggioranza. E’ noto, infatti, che la questione legata all’elezione di Giuseppe Terracciano a difensore civico e al suo mancato giuramento affonda le radici nel 2003. Nonostante tutto, credo che il contenzioso sia ormai inevitabile. Se il diretto interessato dovesse citare il Comune, l’ente si costituirà in giudizio”.

E’ intenzione dell’amministrazione completare il lavoro di approvazione in consiglio comunale del nuovo statuto che delinea le caratteristiche del difensore civico e che introduce la figura del garante dei consumatori, del quale si tratteggia il profilo. Ricordiamo che Giuseppe Terracciano era stato eletto nella primavera dell’anno 2003. All’epoca, il sindaco era Michele Nappi, espressione di una coalizione di centrodestra.

Ad occupare gli scranni in consiglio comunale, erano venti persone (oltre al sindaco). Praticamente, non era scattato l’innalzamento della quota dei consiglieri a trenta (consequenziale solo all’esito dell’ultimo censimento). Su Giuseppe Terracciano erano confluiti quattordici voti su venti. Il consiglio comunale aveva ritenuto valida l’elezione. Il sindaco Michele Nappi non gli aveva, tuttavia, consentito di prestare giuramento, adducendo a giustificazione una presunta incompatibilità, dovuta al rapporto di lavoro che l’interessato aveva con il Comune di Sarno.

Da allora, Giuseppe Terracciano non hai mai smesso di sottolineare d’essere il difensore civico cittadino e ha diffidato tutte le gestioni che si sono susseguite nel tempo, fino ad arrivare all’attuale di centrosinistra. Pur trattandosi di una questione pregressa, il sindaco Felice Esposito Corcione è risultato destinatario, nel mese di luglio del 2006, persino di una richiesta di chiarimenti sulle ragioni del mancato giuramento proveniente dagli uffici regionali della Procura della Corte dei Conti.

Una richiesta di chiarimenti, frutto d’indicazioni a procedere in tal senso fornite dal Ministero dell’Interno, sulla scorta delle interrogazioni presentate, proprio sul mancato giuramento del difensore civico a Marigliano, dal senatore Tommaso Sodano.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di >>




Articoli correlati



Altro da questo autore