Marigliano Mariglianella, Agrimonda: basta attesa

Anita Capasso

MARIGLIANO MARIGLIANELLA -  Agrimonda: un' emergenza che viene da lontano. Ecco un' interrogazione che gia' anticipava i veleni contenuti nel sottosuolo.

"Il 3 dicembre 2008, a seguito di indagini chimiche condotte dall’Agenzia regionale di protezione ambientale della Campania (ARPAC) in alcune zone del territorio di Lausdomini nel comune di Marigliano (Napoli), fu accertata un’elevata e pericolosa concentrazione di fluoruri e arsenico nelle acque di falda; il 12 gennaio 2009 l’ARPAC trasmetteva al commissario di Governo per le bonifiche e la tutela delle acque nella regione Campania gli sconcertanti risultati delle indagini condotte su diversi pozzi ubicati nelle contrade rurali Rapillo Capocuotto, Masseriola vecchia del bosco, Cappella via Masseriola; il 20 agosto 2010, 19 mesi dopo, l’azienda sanitaria locale Na3 sud (ex Na/4) e la Provincia di Napoli chiedevano al sindaco di Marigliano di interdire l’uso dell’acqua dei pozzi interessati non solo per il bere e gli usi alimentari ma anche per l’irrigazione delle coltivazioni, nonché di vietare il consumo e la commercializzazione dei prodotti agricoli provenienti dai suoli già innaffiati e contaminati; il 14 settembre 2010, il sindaco di Marigliano emetteva una formale ordinanza di divieto e utilizzo delle acque inquinate, informando del pericolo anche il Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare; risulta però all’interrogante che, ad eccezione dei consueti provvedimenti amministrativi ritenuti, peraltro, carenti e inadeguati, il fenomeno sia stato gestito in modo pessimo dai vari attori istituzionali e con il passare del tempo completamente ignorato: ad oggi infatti a quanto consta all’interrogante non sono state predisposte iniziative e modalità per la bonifica e il risanamento delle falde dall’inquinamento chimico e batteriologico, non è stata garantita una corretta e trasparente informazione ai cittadini sui rischi, non è stata neppure avviata sul territorio una campagna di previsione e prevenzione nella diffusione dell’inquinamento delle acque sotterranee e superficiali –: se i Ministri interrogati siano al corrente della contaminazione di fluoruri e arsenico ed altre sostanze potenzialmente nocive nelle acque sotterranee di Marigliano (Napoli), quali azioni di protezione della potabilità delle acque siano state adottate, quali misure di prevenzione della diffusione dell’inquinamento e di monitoraggio delle zone interessate siano state intraprese e quali ulteriori iniziative s’intendano assumere; di quali elementi dispongano circa le ragioni di ritardi, inefficienze e responsabilità relative alla mancata assunzione di interventi attenti e sistematici per il rientro dell’emergenza qualitativa delle acque sotterranee in questione anche alla luce del lungo periodo di commissariamento statale in materia di bonifiche e tutela delle acque; se non ritengano di dover promuovere, anche per il tramite del comando carabinieri per la tutela della salute, un monitoraggio capillare, con campionamenti, misurazioni, prelievi e analisi, delle acque sotterranee su tutto il territorio del comune di Marigliano (Napoli) per verificare la qualità delle acque medesime e individuare l’eventuale presenza di altre sostanze chimiche tossiche o nocive e valutare i rischi per la salute umana, l’ambiente e le attività agricole. (4-04768)". La bonifica è un obbligo, non dipende dall'esito del piano di caratterizzazione. Ne sono stata dette davvero troppe sul caso Agrimonda, tutto e tutto il contrario di tutto per poi dover ammettere che si trattava di una piccola Seveso...La bonifica è a prescindere".

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Anita Capasso >>




Articoli correlati



Altro da questo autore



Angelo Bruscino
test 300x250
In Evidenza
test 300x250