I vescovi contro la Terra dei Fuochi:una giornata di digiuno e preghiera

Redazione

Giornata di preghiera e digiuno per i peccati contro il creato Messaggio dei Vescovi di Acerra, Aversa, Caserta e Nola

 

NOLA - ACERRA  - CASERTA-  NOLA  - Digiuno e preghiera per fermare il «maltrattamento della nostra madre terra», la Campania che da felix è stata tristemente ribattezzata Terra dei fuochi. 

A chiederlo sono i vescovi di Acerra, monsignor Antonio Di Donna, di Aversa, monsignor Angelo Spinillo, di Caserta, monsignor Giovanni D'Alise, e di Nola, monsignor Francesco Marino, che  scrivono alle loro comunità invitandole a pregare e digiunare in riparazione dei gravi peccati contro l'ambiente, che mettono da troppo tempo a rischio la salute di tutti, in particolare dei più piccoli, provocando dolore e morte.

“Noi  Vescovi – si legge nella nota - invitiamo tutte le Comunità parrocchiali e religiose, le Associazioni, i Movimenti e tutti i cristiani a vivere nella giornata di giovedì 29 novembre 2019 una giornata di digiuno che possa culminare in un momento di preghiera comunitaria.

 

 Aderiscono all’appello anche i Medici per l’Ambiente.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Redazione >>




Articoli correlati



Altro da questo autore