Incendio a San Vitaliano, la seconda relazione ARPAC conferma i dati precedenti

Nicola Riccio

SAN VITALIANO - Alla luce dell’istallazione delle due centraline mobili a San Vitaliano ed in località Faibano di Marigliano, l'ARPAC diffonde una seconda relazione ad integrazione della precedente in cui sostanzialmente conferma i dati : "Nel complesso le concentrazioni si attestano su livelli usualmente misurati".

Abbiamo cercato di fare un sintesi, dividendo il documento per punti per una più semplice lettura:

·         limitato incremento delle concentrazioni di NO2 – comunque ampiamente al di sotto dei valori soglia fissati dalla normativa - nelle ultime ore del giorno 2 luglio e nelle prime ore del giorno 3, in coerenza agli usuali scenari di evoluzione di questo tipo di inquinante.

·         L’andamento delle concentrazioni di ozono risulta coerente con l’evoluzione giornaliera e stagionale per questo tipo di inquinante, con una lieve flessione dei valori rispetto al giorno precedente anche a causa della minore insolazione dovuta alla velata copertura nuvolosa osservata.

·         Con riferimento al benzene le concentrazioni osservate confermano andamento pressoché stabile durante le 24 ore del giorno 2 luglio, con l’eccezione di alcuni picchi orari per S. Vitaliano, probabilmente dovuti a fenomeni di diffusione dell’inquinante dal sito dell’incendio verso la zona in cui è installata la centralina.

·         Per il monossido di carbonio si confermano valori tipicamente registrati e ampiamente al di sotto delle soglie normative vigenti.

·         Con riferimento alle polveri sottili, non sono stati registrati superamenti del valore limite giornaliero nell’area per il giorno 2 luglio. Le concentrazioni medie giornaliere di PM10 (vedi tabella 1) sono maggiori nelle centraline di S.Vitaliano e Pomigliano, mentre quelle di PM2,5 sono coerenti con i livelli usualmente osservati in questo periodo dell’anno ad eccezione della stazione di Tufino, per la quale non si esclude un parziale impatto del trasporto di materiale combusto aerodisperso.

Conclusioni

I dati acquisiti dalle centraline di qualità dell’aria e dal laboratorio mobile installato a San Vitaliano, aggiornati al primo pomeriggio del 3 luglio, mostrano l’assenza di concentrazioni anomale nell’area in esame. Si rileva un limitato incremento delle concentrazioni - seppur tutte ampiamente entro i limiti fissati dalla normativa - nelle ore notturne dovuto a fenomeni di ristagno atmosferico

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Nicola Riccio >>




Articoli correlati



Altro da questo autore



ambiente300x600-2
test 300x250
In Evidenza
test 300x250